LUNARIA ANCESTRALE pecorino



MARCHIO
Lunaria Ancestrale

DENOMINAZIONE
PECORINO Terre di Chieti IGP

COLORE Bianco

FORMATO 750 ml 

CARATTERISTICHE / CERTIFICAZIONI 
> Vino Biologico e Biodinamico (Demeter)
> Fermentazione spontanea 
> Non Filtrato con FONDO
> Stabilizzazione tartarica naturale

10,70   IVA inclusa

Esaurito

Descrizione

LUNARIA ANCESTRALE

PECORINO Terre di Chieti IGP

VINO BIODINAMICO e BIOLOGICO

con fondo di fermentazione spontanea

Il Pecorino è un vitigno a bacca bianca autoctono delle Marche e dell’Abruzzo. La prima fonte documentale sull’origine del vitigno risale all’anno 1526 ed è contenuta negli Statuti di Norcia (PG) dove si trova un riferimento di «vigne de pecurino» (Statuti di Norcia, Liber Tertius, Rubrica CXII). Questo vitigno, diffuso prima della fillossera, nel corso del Novecento è stato gradualmente abbandonato per lasciare spazio a varietà come Trebbiano, maggiormente produttive e rispondenti ad un valore più alimentare che edonistico. Origine dl nome: chiamata anche “uva dei pecorari” a causa dell’uva reputata di scarso pregio, adatta appunto a gente umile come “i pecorari” (termine dispregiativo).

Forma di allevamento

Tendone o pergola abruzzese (nel dialetto locale “la capanne”). Forma di allevamento espansa tradizionale del territorio caratterizzata da una bassa densità di piante per ettaro (1.100-1.600), che asseconda la naturale armonia dell’espansione e dello sviluppo vegetativo delle radici, dei grappoli e delle foglie. Nella “capanne” la raccolta e la potatura sono esclusivamente manuali e strettamente legate al vignaiolo e alla sua piccola proprietà contadina.

Tipo di terreno

Terreni profondi argillosi con venature calcaree.

Altitudine

Vigneti coltivati a 400-500 m s.l.m.

Tipo di conduzione agricola
Biodinamica con certificazione biologica e DEMETER. La coltivazione biodinamica è importante per la vita microbiologica del vigneto e fondamentale nella fermentazione spontanea di un vino biodinamico.
L’uso di fungicidi convenzionali indeboliscono le popolazioni di lieviti e rendono molto difficile la fermentazione spontanea. L’originalità e la singolarità del vino biodinamico è il suo legame al luogo e alle condizioni climatiche dell’anno. La biodinamica restituisce al vino il luogo di origine, definito dai francesi come “Terroir” (territorialità).

VINO FERMO caratterizzato da:

– FERMENTAZIONE SPONTANEA

Il produttore biodinamico in cantina non usa biotecnologie e correzioni chimico-fisiche e lascia alla natura la responsabilità di generare il vino. Le fermentazioni spontanee lavorano proprio con quanto la natura offre ogni anno e si affidano alla forza e alla salute del vigneto per ottenere grandi uve coperte della microflora indispensabile per la fermentazione.

– SENZA SOLFITI AGGIUNTI (inferiore a 10 Mg-lt)

Il vino biodinamico ha poco bisogno di conservanti, le sue uve possiedono già tutti gli elementi necessari per stabilizzarsi e conservarsi naturalmente nel tempo.

La fermentazione spontanea non può essere condotta in presenza dei solfiti; aggiungerla sulle uve o nei mosti in cantina significa eliminare le tante famiglie di lieviti indigeni presenti sulla buccia che sono la base fondamentale di ogni vino biodinamico. Un vino di grande complessità ha bisogno di quanti più lieviti possibile.

– NON FILTRATO CON FONDO

Gran parte degli assaggiatori considerano la limpidezza come una garanzia di qualità o eccellenza e hanno creato un falso stereotipo del “vino perfetto” che però è legato all’imperfetto. La filtrazione estrema impatta sulla microflora (lieviti e batteri) crea un vino sterile, chimico e senza vita. Il vino non filtrato e senza solfiti aggiunti è un caleidoscopio del gusto in continua evoluzione con uno spettro ampio di sapori partendo da una mineralità bella e slanciata e una profondità di sapore. La produzione di vini non filtrati con fondo è la genuina trasparenza di proporre un vino che non ha avuto aggiunte: “solo un vino biodinamico, che per disciplinare non prevede aggiunte, può essere bevuto non filtrato”.

Sulla testa della bottiglia troverete la frase:

Niente viene aggiunto,

niente viene tolto,

VINO NON FILTRATO CON FONDO.

– STABILIZZAZIONE TARTARICA NATURALE

Trovare sul fondo di una bottiglia dei piccoli cristalli? Sono innocue precipitazioni di tartrati e significano che il vino “ha sentito il freddo”.

In biodinamica non sono ammessi trattamenti fisici (refrigerazione) e chimici. Il freddo invernale e il tempo stabilizzano naturalmente il vino.

La tecnica di stabilizzazione tartarica convenzionale, che prevede la refrigerazione del vino a -5/-6°C per 6/7gg, porta a un notevole consumo energetico al solo scopo di evitare la presenza di qualche milligrammo di innocui cristalli di tartrato nel vino.

In degustazione

Colore: giallo paglierino brillante con riflessi dorati.

Profumo: deciso e profondo, con sentori di arancia, sambuco, spezie e note legnose agrumi, fieno, fiori secchi e anice.

Sapore: minerale, armonico, molto persistente.

Abbinamenti

Primi piatti elaborati, carni bianche, pesce e crostacei.

Temperatura consigliata

10-12°C

INFORMAZIONI IN ETICHETTA
TERRE DI CHIETI – Indicazione Geografica Protetta – PECORINO
Vino biologico e biodinamico – prodotto in Italia
Imbottigliato all’origine da Società Olearia Vinicola Orsogna via Ortonese 29 – 66034 Orsogna (Ch) Italia
IT-BIO-009
Agricoltura Italia
senza solfiti aggiunti
13% vol

*L’immagine è puramente indicativa e potrebbe non rispecchiare appieno le caratteristiche del prodotto.

ALTRI VINI A MARCHIO LUNARIA ANCESTRALE